Blog di Alice

Leggi commenti per Alice | Scrivi un commento per Alice
Visita l'homepage di Alice
ho salvato le apparenze, ma non me stessa.

E' mezza vita che non scrivo più qui, eppure dopo il sogno di stanotte mi sembra l'unica cosa sensata da fare.

assurdo cercarti in un posto così mio.
assurdo persino pensare che tu possa tornarci proprio ora.

ora
che sei felice altrove.

ma se non fosse così assurdo, mi piacerebbe saperlo..
( 26/1/2010 10:12:53 - N. 375485 )

per tutti quelli come me -tipa- per chi sa chi è e dove va' e sa che... E' una diversità dovuta a una questione genetica o una ragione di etica, non di politica o di musica, è la solita storia succube di una drammatica semplicità che la complica e tramuta in una realtà comica...quelli come me non dimenticano da dove vengono e se cadono poi si riprendono e riconoscono l'errore, pagando quello che c'hanno da pagare, aspettando il tempo per potersela sciallare, e quindi pago e resto all'occhio, risuonando i sentimenti a orecchio, guardo tipo nello specchio, e esce un uomo che non cresce o un bambino nato vecchio. Sei stata il mio sbaglio supremo, il freno del mio moto, il negativo della mia foto, l'acqua sul mio fuoco, un gioco senza scopo, il mio bicchiere vuoto, un dolce pieno di veleno, un arcobaleno senza colore e quello ch'era amore lascia il posto ad un rancore nettamente superiore. Non é un problema, é che io c'ho il sangue di un plebeo, tu hai il gene da padrone in ogni cromosoma. Abituata al Sibuana, aspirante dama mondana, la mia storia é nata lontana dal tuo nirvana con la filigrana e non é grazie al mio cognome se mo c'ho gloria e fama. Con i cantori da strada e le tue scarpe di moda, il tuo centro sociale e la sfilata di Prada. Comunque in eterno all'interno di un privé che rappresenta l'inferno per quelli come me, sai che... quelli come me pagano se sbagliano quelli come te dopo ogni errore scappano non si guadagnano niente, comprano solamente quelli come te mangiano l'ultima fetta, vogliono quello che spetta a quelli come me Alla mia gente interessa il pane, non tanto la gloria, ora esclude in quanto é stata esclusa, da quelli come te che ora invadono la nostra storia, viziati come l'aria, in una stanza chiusa. A noi non interessa un audience e dell'Italia, l'intellettuale adolescente e la sua boria, vogliamo la vittoria. Perché per noi era tempo di bilanci familiari mai precisi, di crisi, di sogni uccisi quando vi guardavamo sfotterci coi vostri sorrisi, le mode da narcisi, vestiti e panni lisi, io vi vedo ancora come allora, tutti precisi e decisi a degustare il boom dei vostri giorni easy. Tipa non c'é via d'uscita, io corro in salita in questa strada dove tu sei in gita, fingendo di giocare una partita, ma é vera vita. E qui ti batto io la stecca e stai punita: sei un cantante pop che fa l'impegnato e sei riciclato, una signora borghese che per noia si dà al volontariato, torna a fare l'anglo-teenager, tutta oasis e blur, goditi la tua gold-car, fai la star con gli occhiali scuri e il foulard, sono lontano anni-luce da te, io sono il funky+tarro, eterno outsider, se domani tutto questo finirà, ballerò da solo come Liv Tyler, per ora m'accompagno a tipe stilose tipo Michelle Pfeiffer o Winona Rider, Funky McGyver. Riparo il congegno usando l'ingegno e assegno il giusto assetto a questo groove e sono il funky easyrider. E se mando indietro il nastro e guardo il nostro film sembro Giannini con Mariangela Melato, una cagna resta tale pure con il pedigree, lascio quelli come te a acquistarti sul mercato del mio usato. quelli come me pagano se sbagliano quelli come te dopo ogni errore scappano Io credo in una scala di ideali ordinata, credo che un'ignoranza pura valga più di una cultura filtrata, credo che bisogna stare con i propri simili e non ai tuoi problemi irrisolvibili ma riducibili a semplici capricci da bambini, credo che la strada per te sia oltre confini invalicabili. Sei solo l'accessorio nel camerino di una band, l'hit-parade della lista dei tuoi ex boyfriend, porti musicisti alternativi di cui sei friend al lago nel weekend e per magia anche Che Guevara mi diventa un trend...beh...sdegno, tristezza sound, fai la musicologa con i Duran Duran come background, corri verso nessun luogo come su un tapis roulant e molli uno per averne due ma non è la reclame del dixan, e stringi relazioni di cellophane solo con chi con il tuo ego enorme fa pendant. La mia roba ti fa gola, ma non c'hai la scuola, la strada non s'impara ospitando randagi fra le lenzuola, mamy t'ha lasciato una sedia nel talk-show dei mass-media, attricetta saccente da licenza media, popolare fra i falsi perché simili si pigliano, macchietta da tragicommedia per quelli come mi rassomigliano...come Dj Enzo tipa, sai che quelli come me pagano se sbagliano quelli come te dopo ogni errore scappano non si guadagnano niente, comprano solamente quelli come te mangiano l'ultima fetta, vogliono quello che spetta a quelli come me..


( 28/12/2008 17:50:7 - N. 364005 )

dal plurale al singolare in un attimo.
e dopo qualche anno la notizia scivola dalla prima pagina alla penultima, diventando così la frase retorica del mio oroscopo.
per il contrario ora sembra non esserci più spazio.
il coraggio non manca. le idee bizzarre nemmeno.
ma la voglia di ricominciare è perennemente assente.
latitante,fuggitiva. vana.
è imbarazzante vedermi all'opera mentre cerco di allontanare anche l'ennesimo ragazzo perfetto che l'ennesimo dei miei amici cerca di servirmi su un piatto d'oro.
non è una bugia: "io sto bene così".
se non posso avere Marco,sto bene da sola.
non mi vergogno.
nulla nella mia vita mi è mai sembrato più dignitoso di questa solitudine.
sono innamorata, e anche se in questi ultimi 4 mesi l'ho detto a tutti tranne che a lui... non fa differenza.
la consapevolezza di quello che provo mi fa stare in piedi.
attualmente è l'unica cosa che conta davvero.
non crollare.
( 28/11/2008 20:46:40 - N. 361053 )

ricomincio la mia vita da qui.
da dove l'ho lasciata.
da dove lui mi ha lasciata.
dalla città che io lasciai per lui.

a distanza di quattro anni oggi sembra un'allucinazione.
non è possibile che è davvero andata così.
è surreale che io sia sopravvissuta a me,alla mia impulsività.

è davvero troppo bello che io sia qui oggi.

qui per ricominciare.

non è colpa tua Marco,è colpa mia che ci ho sperato..

non vedo l'ora di essere a Casa Mia.
lontana da qui e dalla versione di me che meno digerisco
( 20/9/2008 19:18:2 - N. 350603 )




"TE MIRO A LOS OJOS
Y ME PREGUNTO
DE QUE COLOR SERAN TUS SUENOS,
SI SON ROJOS O AMARILLOS
O AZULES COMO LOS MIOS
TE MIRO A LOS OJOS
Y ME PREGUNTO
HASTA DONDE LLEGARA ESTO,
SI ES LOCURA LO QUE SIENTO
O ME SIENTO LOCO DENTRO DE ELLO.."



Madrid.

Parigi.

Londra.

Lisbona.

Basel.



y después?




CERTE COSE FINISCONO. INEVITABILMENTE..


( 13/9/2008 09:12:50 - N. 349516 )
blog modificato il: 13/09/2008 09:16:51

Avanti
Pagina 1
Questo blog è stato visto 64795 volte