Blog di NEVERLAND

Leggi commenti per NEVERLAND | Scrivi un commento per NEVERLAND
Visita l'homepage di NEVERLAND


Ti direi che non mi importa
che tu possa stare male
ti direi che ti ho tradito
che ho succhiato altro sangue
ti direi che non ho voglia
di ascoltare i tuoi problemi
non mi importa se tu vivi
a Londra, Tokyo, New York
ti direi che non mi frega un cazzo
delle tue paure
ho già le mie che urlano più forte, più forte
solo una cosa
io sto male



non voglio più stare con me
non voglio più dipingere quel che non c'è
non voglio più leggere scrivere e dire
che lei non mi toccherà più
non mi basta distruggere
a me non mi basta lanciare quest'ultimo grido
quest'ultimo gemito
mi toccherò e morirò solo per lei

Ti direi che non rispetto
le tue grandi confessioni
ti direi che non intendo
misurare le parole
voglio scavare un solco profondo
tra me e te
tra me e te
voglio che mi odi con tutte le tue forze
non voglio ricordare
non voglio cose da ricordare
perché fa male

(Velvet - Ti Direi)


( 24/10/2005 15:34:54 - N. 91012 )
blog modificato il: 24/10/2005 15:35:19


...e se stringi
tra le mani
la mia voce
ti accorgi che
tu non sentirai distanza
è tanto...
troppo tempo
che vorrei
poterti dire che
io non sento la distanza
io non sento la distanza
nella mia stanza
io non sento la distanza
nella mia stanza...



(ma se stringi
tra le mani
la mia voce
ti accorgi che
tu non sentirai distanza
è tanto...
troppo tempo
che vorrei
poterti dire che
io non sento la distanza)


(Negramaro - Nella Mia Stanza)


( 15/10/2005 18:13:57 - N. 88614 )


Aoh, che c'e', eh?

Nessuno te conosce come me
ho gia' capito tutto,
da quanno t'hanno detto
che so' matto,
c'hai paura
de qualche mia pazzia,
magari che de botto
vada via
ma all'eta' mia, 'ndo vado?



Io so' 'n guerriero
che sta riposanno
dopo che ha rivortato
mezzo monno
ma ormai c'ho er doppio
petto e la cravatta
'ndo voi che vada vie',
nun fa la matta
tu ormai pe' me
sei l'ultima occasione
sei giovane, sei bella
e me stai bene,
te pare poco?
Di', te pare poco?

Nun devi ave' paura
io nun gioco,
io qui sto rilassato
e chi se move,
fori fa pure freddo
e come piove
me 'nnamoro de te
se no che vita e'
lo faccio 'n po' pe' rabbia,
un po' pe' nu' sta solo
come sta solo
'n omo nella nebbia
perche' nun po' parla'
manco cor cielo

...la la la la
la la la la la la la
la la la
la la la la la la
la la la la la la la...



Me 'nnamoro de te
lo devo fa' pe' me
me serve 'n' emozione
come me serve er pane
'sta vorta ce la vojo
mette' tutta
me devo 'nnammora'
vado de fretta

...la la la la
la la la la la la la
la la la
la la la la la la
la la la la la la la...

Me 'nnammoro de te
se no che vita e'
sei l'urtima rimasta
devi esse' quella giusta
senza sforzamme
gia' te vojo bene
spero che duri 'n po'
de settimane

...la la la la
la la la la la la la la...

Io qui sto rilassato
e chi se move
fori fa' pure freddo
e come piove.

(Franco Califano - Me 'nnammoro de te)


( 12/10/2005 19:46:46 - N. 87774 )


My life is brilliant.
My love is pure.
I saw an angel.
Of that I'm sure.
She smiled at me on the subway.
She was with another man.
But I won't lose no sleep on that,
'cause I've got a plan.

You're beautiful.
You're beautiful.
You're beautiful, it's true.
I saw you face in a crowded place,
and I don't know what to do,
'Cause I'll never be with you.

Yeah, she caught my eye,
as we walked on by.
She could see from my face that I was,
fucking high,
and I don't think that I'll see her again,
but we shared a moment that will last till the end.



You're beautiful.
You're beautiful.
You're beautiful, it's true.
I saw you face in a crowded place,
and I don't know what to do,
'cause I'll never be with you.
You're beautiful.
You're beautiful.
You're beautiful, it's true.
There must be an angel with a smile on her face,
when she thought up that I should be with you.
but it's time to face the truth,
I will never be with you.


(James Blunt - You Are Beautiful)


( 11/10/2005 01:41:48 - N. 87289 )


Una distesa chiara dapprima imprecisa, e che diventa a mano a mano la pelle bionda e come addormentata di una donna.

La sua mano, sul muro, si muove alla ricerca dell'interruttore, aspettata da un'altra mano guantata di gomma, che sta lì immobile, in agguato, come un mostruoso ragno e che l'afferra all'ultimo momento.
La donna ha un grido di spavento.

La mano guantata l'afferra per i capelli e gira di forza la testa per scoprire la nuca.
Un ago lungo e luccicante si punta sulla pelle e affonda nella carne all'altezza delle prime vertebre.
La donna urla, cerca di scuotersi.
Ma quando l'ago è sprofondato nella carne fino alla capocchia, le grida della donna si placano.
Intanto la mano guantata strappa i vestiti.
Gira il corpo della donna che appare ai nostri occhi nudo.
La donna vorrebbe parlare, difendersi, ma è come se, viva e cosciente, fosse ipnotizzata.

Ora tra le mani guantate luccica la lama di un coltello che si dirige verso il ventre caldo e morbido della donna che assiste senza la possibilità di difendersi.



Solo i suoi occhi eprimono TERRORE...


(La Tarantola dal Ventre Nero)


( 10/10/2005 14:12:21 - N. 87083 )
blog modificato il: 10/10/2005 14:13:16

Avanti
Pagina 1
Questo blog è stato visto 14338 volte