Blog di *ViSpEtTa*

Leggi commenti per *ViSpEtTa* | Scrivi un commento per *ViSpEtTa*
Visita l'homepage di *ViSpEtTa*

Che io creda poco in qualche essere superiore all’intera umanità è risaputo. Che io sia poco legata alle feste comandate idem. Feste  comandate uguale obblighi. Obbligo di fare regali, di essere felici a tutti i costi, di mangiare come se poi si andasse in letargo per 5 mesi. E obbligare un povero vecchio a fare il giro del mondo a bordo di una slitta che, ormai, al posto delle renne avrà sicuramente un navigatore satellitare. Magari durante il tragitto  sarà  anche impegnato a smanettare con il suo eeepc e a guardare film scaricati da emule. Che poi, in realtà, Babbo Natale è l’unico che mi sia sempre stato simpatico. Aspettare la mezzanotte della vigilia e trovare tutti i giochi sotto l'albero  era una delle gioie più indescrivibili. E non solo per l’ennesima Barbie ricevuta, ma per il fatto stesso che uno “sconosciuto” era a conoscenza dei miei desideri ed era in grado (quasi) sempre di soddisfarli (il “quasi” solo perchè a volte sognavo di avere poteri paranormali tipo quelli di “E’ quasi magia Johnny&rdquo. Non credo che tutti i bambini cresciuti così siano diventati materialisti o consumisti incalliti. Quello è un problema che ha ben altre cause risalenti alla prima rivoluzione industriale. Ma il problema è che oggi i più piccoli lo sanno benissimo chi è Babbo Natale. O meglio, sanno della sua inesistenza. Quindi, niente atmosfera magica prima  dello scoccare del Natale. Tempo fa mi aveva colpito la notizia della messa al bando di Santa Claus nella città di Sarajevo. Tutto, ormai, rientra nell’ambito politico, ma certi personaggi della fantasia dovrebbero essere lasciati liberi di essere vissuti in modo spontaneo. Anche perchè dopo tanti anni  nessuno ha creato il falso mito di Babbo Natale come trasposizione di un essere semi-umano dal “miracolo” facile. E qui potrei aprire una  lunghissima parentesi, ma evito perchè altrimenti mi dareste della blasfema anche il giorno della Vigilia!
So perfettamente che a riguardo ci sarebbe l’obiezione suprema: è giusto o meno credere  a Babbo Natale se la vita non ha reso tutti  in grado di farlo sopravvivere? Tutti quei bambini meno fortunati che si trovano e si troveranno a vivere un giorno come un altro senza regali e magari senza un pasto caldo, non sarebbe meglio evitare di illuderli? E’ il solito circolo vizioso: perchè io ho 10 paia di scarpe e il poveraccio che dorme sulla panchina ne ha a malapena uno? Inutile argomentare, perchè soluzioni non ne ho e presumo non ce ne saranno mai in questo caso. Dicono sia la vita. Io dico che si tratta di stupidità, superficialità e ignoranza.




Non penso che ricorderò di fare gli auguri a colui che scende dalle stelle e che pensa ad essere il Re del Cielo piuttosto che  a risolvere i mali concreti del nostro mondo. A questo punto, arrivati a una certa età, meglio credere a Babbo Natale e avere, comunque, la consapevolezza che si tratti di qualcosa di effimero, invece che credere fermamente e spesso anche senza validi  motivi (ma solo per “obbligo” voluto dalla nostra cara società cristiana)  a qualcuno di soprannaturale.




Perciò, non mi resta che fare il conto alla rovescia e aspettare l’arrivo del mio “vecchiaccio” vestito di rosso: almeno con lui non ho bisogno della sola fede.

BUON NATALE!


( 24/12/2008 14:07:54 - N. 363716 )
blog modificato il: 24/12/2008 14:09:17

Ho impigliato il cuore
alla rete della tua anima,
l'istante in cui
un vento panciuto
mi ha sollevata
portandomi in un luogo
a portata di fantasia.

Mi hai fatto un gesto di ciglia.
Mi hai presa e portata con te
Le brutture del tempo sono cadute giù,
staccandosi dal mio corpo
e dalla mi anima.
perchè solo chi sogna la vita
potrà davvero averla
e tu...
mi hai regalato il suo sogno.


( 3/11/2008 19:07:16 - N. 357632 )

Oh periodo infausto, periodo di merda,
che giungi quando meno aspettato,
che sconvolgi le carte in tavola,
che distruggi gli equilibri.
Tu, che porti malumore,
e che insidi con profondi nervosismi la mia umile personcina
e il mio stomaco delicato.
Tu, che poni sotto sforzo la mia povera mente
ma non avevi proprio un cazzo d'altro da fare
che bussare alla mia porta?
Non potevi volgere il tuo sguardo altrove?
Che so...a quella sciagurata della mia collega,
dai pessimi gusti,
dalle idee malsane,
che ha il martello pneumatico al posto della lingua.
Oppure a qualcuno di più antipatico e meritevole
di tutta questa tua attenzione.
Ascolta, o periodaccio, la mia prece.
Scappa via,
abbi il coraggio di staccarti da me.
Restituiscimi il vigore,
la serenità mentale,
che prima avevo
ma che ora sembrano solo sogni sbiaditi...



( 25/10/2008 17:43:46 - N. 356247 )





( 3/10/2008 18:14:12 - N. 352806 )
blog modificato il: 03/10/2008 18:19:28

15/09/2008

Ogni anno provo sempre le stesse emozioni per il primo giorno di scuola.Proprio come una bambina..............ho l'ansia,mi agito pensando già ai loro visi sorridenti ;
questa notte non ho dormito,come ogni anno, per paura di arrivare tardi e non poter vedere il loro ingresso trionfante.
La vita in classe,se spesa bene,è piena di emozioni,di complicità,di momenti indimenticabili.
I bambini oggi sono pieni di risorse ,di idee;
è una generazine che ha molto del buono,se riesci a coglierlo.
Aver ricevuto messaggi,telefonate da alcuni di loro che sentono la tua mancanza, e che non vedono l'ora di ricominciare ,ti dà la forza per buttarti a capo fitto in questa nuova esperienza.......e sì perchè ogni anno è diverso,ogni anno cambiamo noi e cambiano loro,i loro atteggiamenti,i loro interessi,le loro richieste,i loro bisogni.......
Credo che fare l'insegnante debba essere per tutti una missione,non un ripiego di lavoro,come purtroppo capita!!!!!
I bambini ti risucchiano tutte le energie,lo so,ma ti danno anche una marea di soddisfazioni;
è il loro mondo che mi affascina, non l' ipocrisia dei colleghi , l'inutilità di tante riunioni ,di tanti progetti.
Oggi finalmente quest'aula avrà una musica particolare sintonizzata sul loro vocio,piena di vita e di allegria.
Odio l'aula dopo le 13,30,quando le voci acidule di colleghe ti fanno mal sopportare quell'aula che poco prima dava un senso al tuo lavoro,alle tue fatiche
...............SI RIPARTE!!!!!!!!!!!!!!!


( 26/9/2008 17:46:26 - N. 351458 )

Avanti
Pagina 1
Questo blog stato visto 33764 volte