Spazio sponsor, richiedi anche tu uno spazio su ircnapoli per la tua pubblicitÓ!
 
 

teatrante

nome:

Giovanni
eta': 39
Citta'.: Portici
Descrizione: Pensieri in libertà:

Il talento fa quello che vuole, il genio fa quello che può. Del genio ho sempre avuto la mancanza di talento

Il mio epitaffio potrebbe essere quel passaggio di Sade: mi ostino a vivere perché źAnche da morto io continui a essere la causa di un disordine qualsiasi╗

La libertà di stampa mi sta bene se è libertà dalla stampa.

La poesia è distacco, lontananza, assenza, separatezza, malattia, delirio, suono, e soprattutto, urgenza, vita, sofferenza. ╚ l'abisso che scinde orale e scritto.

L'intrattenimento ormai è demandato alle casalinghe, traslocate dal bordello domestico a quello televisivo.

La letteratura maggiore o minore è, comunque, non soltanto menzogna, è chirurgia scongiurata, devitalizzata, guazzabuglio di vita simulata.

Non sono mai nato, non mi vergogno di essere nell'equivoco italiota, non mi interessano gli italiani. Qualunque governo come qualunque arte è rappresentazione di Stato, è statale. ╚ uno stato che si assiste fin troppo, se no alla mediocrità chi ci pensa? La mediocrità, par excellence, è proprio lo Stato. Lo Stato dovrebbe smetterla di governare, ecco. Si può dare uno Stato senza governo, mi spiego? Non deve amministrare, deve lasciarlo fare a dei privati.

Ci sono cose che devono restare inedite per le masse anche se editate. Pound o Kafka diffusi su Internet non diventano più accessibili, al contrario. Quando l'arte era ancora un fenomeno estetico, la sua destinazione era per i privati. Un Velazquez, solo un principe poteva ammirarlo. Da quando è per le plebi, l'arte è diventata decorativa, consolatoria. L'abuso d'informazione dilata l'ignoranza con l'illusione di azzerarla. Del resto anche il facile accesso alla carne ha degradato il sesso.

Il corpo implora il ritorno all'inorganico. Nel frattempo non si nega nulla.

Nelle aristocrazie il principe non si fa eleggere, è lui che elegge il suo popolo. In democrazia il popolo è bastonato su mandato del popolo. ╚ la pratica certosina dell'autoinganno. Si dice che il trenta per cento sia astensionismo. Nego, tutto è astensionismo. Sono comunque voti sprecati.

╚ la folla come fallo, è l'errore di massa. Non l'erranza. ╚ finita quell'erranza, il nomadismo, il pensiero. Dove c'è qualità si muore. Si tocca il filo rosso. Crepi. ╚ cortocircuito.

Si nasce e si muore soli, che è già un eccesso di compagnia.

Un grande artista, se davvero se ne sbatte dell'arte lasciandola a quello che è,ingloriosa defecazione,si pone per quello che è, un pericolo pubblico, un criminale. In questo senso, sono stato, sono un criminale. Ho sempre cercato il mio patibolo. Il cemento delle teste vuote contro cui andarmi a disintegrare. Mai cercando il sociale.



msn:
nicodemogiovanni@hotmail.com



Aggiungi alla Friend List
Leggi messaggi per teatrante (6) | Scrivi un messaggio a teatrante








Pagina visitata 2198 volte, ultimo aggiornamento : 29/03/2008 - 00.58
ultima visita il 15/06/2011 alle ore 16:36 da un ragazzo di 33 anni.




 
 
 
www.ircnapoli.com