Spazio sponsor, richiedi anche tu uno spazio su ircnapoli per la tua pubblicità!
 
 

Elettrika

nome:

Zazie
eta': 34
Citta'.: dans la France
Descrizione: Ho aperto questa pagina cinque anni fa.
Da due anni, credo, ho smesso di aggiornarla, di controllarla. Ogni tanto cambio la foto, ma solo per non sentirmi terribilmente invecchiata. Ogni tanto cambio parole, credo sempre per lo stesso motivo. Non rispondo ai messaggi perche' non riesco a trovare una sola buona ragione per farlo. Mi sembra strano che una volta ne trovassi. Questo a volte mi fa sorridere, a volte mi fa un po' piangere.
Io non lo so come ero cinque anni fa. A volte mi sembra che ero la stessa di adesso. Con un paio di chili in piu', i capelli piu' corti. La stessa di adesso, con altre persone intorno, in altri posti, con altri odori. La stessa, con altri libri tra le mani ed altri dischi, con altri vestiti addosso.
A volte stento a riconoscermi. Mi sembra cosi' estraneo tutto quello che allora mi sembrava immediatamente vita che mi sento sbalordita, persa. Mi sembra poco credibile che dalla stessa Persona si siano generate due Figure cosi' diverse.
Provo a capire cosa e' cambiato. Difficile valutare le pieghe e i risvolti. Mi limito a riassumere cosi'... un po' a casaccio e un po' distratta, come faccio agli esami quando mi mi fanno una domanda che davvero ritengo sia stupida.
Cinque anni fa ero al liceo. Le persone che mi sembravano davvero amiche erano tutte persone che nella mia vita quotidiana non esistevano davvero. Esistevano su questo sito o sul mio mirc. Quando non ero al computer ero al liceo o per le strade del mio paese a dire cose che non andavano valutate.
Quattro anni fa studiavo Giurisprudenza a Napoli. Abitavo in un appartamento in via Mezzocannone con delle persone di cui non ho piu' i numeri di telefono, credo. Ma tre delle persone conosciute qui tre sono diventate la mia quotidianità. Paola, Ciro, Alessandro. Quando penso al mio primo anno a Napoli non vedo molto oltre loro. Non lo so bene perche' per tanto tempo non li ho visti piu'. Questo ancora non me lo so ben spiegare.
Tre anni fa mi sono iscritta a Lettere Classiche e sono andata ad abitare in un appartamento con cinque camere. In una di queste cinque camere ci sono rimasta per tre anni. Le persone che da quelle camere sono passate le amo quasi tutte. Amo in senso profondo. Quasi tutte mi hanno insegnato quasi tutto, ma non proprio. Adesso sono tutte sparse in punti piu' o meno distanti dell'Europa. Chi a Bilbao e chi in Bulgaria. Chi a Bologna e chi a Helsinki.
E ancora una volta, adesso che io mi nascondo e mi nascondero' per un anno in Francia per cercare di dare valore aggiunto alle cose che faccio, cosa che francamente non sempre mi riesce, mi sembra che solo su Internet la mia vita esista ancora. Non su questo sito, che non apro quasi piu'. Un passo piu' in la', nella mia casella email. Dove posso parlare la mia lingua, dove posso parlare delle mie paure senza doverle tradurre... che' le paure e l'ironia, tradotte, suonano male. Soprattutto all'inizio.
Altre volte questo non mi sembra per niente. Mi piace essere qua. Mi sembra che la mia vita l'ho semplicemente ricollocata altrove. Mi sembra che io esisto anche qui nella misura in cui ci sono. Nella misura in cui le mie paure e la mia ironia non devo tradurle per forza. E allora mi piace parlare una lingua che non e' la mia e reimparare a dire cose semplici. Cose che non per forza devono essere elaborate.
Mi piace conoscere persone che non avrei potuto conoscere se non partendo.
Mi piace mettermi a letto ogni sera e chiedermi se ci vuole piu' coraggio a partire o a restare, mi piace non sapermi rispondere e pensare che tanto prima o poi lo capiro'.


...ritorno su questa pagina a distanza di circa un anno. nel frattempo mi sono laureata. la foto che mi ritrae, in basso, è stata scattata la sera in cui ubriaca festeggiavo perché alla mia carriera universitaria la commissione ha dato un giudizio complessivo di 110 e lode.
mi è sembrata una rapina a mano armata, visto l'impegno profuso alla causa negli ultimi tempi, ma ho accolto il plauso di buon grado. a caval donato, non si guarda in bocca.
adesso sono in spagna, con un gatto di nome Figaro Pinche Gatto che mi dorme sulle gambe. mi da calore.
non so ancora quando torno in patria. forse presto, forse no.
aggiornare questa pagina oggi mi è sembrato un obbligo. bizzarro, visto che ho pile di curriculum da mandare e farmi rimandare indietro che ancora aspettano sulla scrivania di casa di mia madre...


Aggiungi alla Friend List
Leggi messaggi per Elettrika (1395) | Scrivi un messaggio a Elettrika



Leggi il Blog di Elettrika






Pagina visitata 20429 volte, ultimo aggiornamento : 12/01/2011 - 16.37
ultima visita il 15/02/2017 alle ore 11:50 da un ragazzo di 34 anni.




 
 
 
www.ircnapoli.com